Arnatak

Obvious Corp.

Lascia un commento

“Obvious è intento a costruire sistemi che aiutano le persone che lavorano insieme per rendere il mondo un posto migliore. Non tutti i sistemi sono sul web alcuni dei nostri progetti non sono società Internet .”

La società che ha al suo interno Ev e Jason, i fondatori di twitter, è una piccola società che ha il suo centro a S. Francisco. La mission della società, come si legge, è una filosofia atta a sviluppare attraverso nuove tecnologie e idee una “nuova strutturazione del mondo”.

Twitter è stato il progetto madre alle spalle di Obvious.

La maggior parte delle risorse sono concentrate sul progetto “Medium” che costituisce una sorta di agglomerato delle caratteristiche di Pinterest con quelle di Tumblr, tuttavia una parte dei capitali e delle collaborazioni sono state destinati a diverse società e organizzazioni.

Queste sono :

-Karma

E un servizio che offre la possibilità di fare regali tramite l’app ai propri contatti. Il destinatario riceverà un sms, un email o un link di facebook con cui vedere il regalo e chi gliel’ha inviato.  Si può scegliere tra varie categorie di regali, con uno store interno che per il momento si divide in : Wine, Fashion Electronic. Recentemente il servizio è stato acquistato da Facebook.

-Medium

È uno spazio aperto, con un design grafico minimale dove risultano maggiormente evidenti i contenuti, inseriti in collezioni, adesso ancora chiuse visto che la possibilità all’interazione è condizionata alla scelta degli ideatori del progetto, a una ristretta cerchia di utenti.

I messaggi saranno quotati, si potranno dare feedback all’autore, e verranno collocati in cima alla home quelli più interessanti giudicati dai fruitori del social.

Non viene definita all’interno dello stesso una categoria o una definizione, vuole essere lasciata aperta e “in itinere”, in modo da concedere maggiore libertà di azione e di creatività.

Si crede fortemente nel concetto dell’ “e-media” e si legge nell’introduzione a “Medium” questa affermazione:

“Medium è  il “tessuto connettivo della società”, come Clay Shirky afferma, E pensiamo che possa essere migliore. Meglio per i creatori. Meglio per i consumatori. Meglio per il mondo.”

-Lift

È un’applicazione mobile nata dalla collaborazione di diverse figure che cooperano all’interno della stessa società, che vanno dagli psicologi, ai manager, agli ingegneri, ai progettisti. La missione che si propone è quella di monitorare le piccole azioni di ognuno di noi, di crearne di nuove, di vedere il livello di condivisione con gli altri, giorno per giorno. E’ un modo per darsi dei micro-obiettivi per arrivare a raggiungerne di grandi, ogni giorno ma a piccoli passi.

-Neighborland

Parte dal concetto che per migliorare la qualità della vita di ognuno di noi, dobbiamo anche qui partire dalle piccole cose. Dal nostro “quartiere” e dalla condivisione con i “vicini”, per poter discutere, proporre idee, e per poter arrivare dove vogliamo per migliorare il nostro ambiente. Partendo dal concetto degli urbanisti che parlano di un buon quartiere come di uno “ben collegato” a scuole, o alla densità abitativa, si vuole far avvicinare i residenti nello stesso luogo tra di loro, per aiutarsi e per migliorare i quartieri.

Il fatto di condividere lo stesso luogo e di lavorare per migliorare la qualità della vita, ci mette in collegamento tra di noi, e ci sgancia dal concetto che il miglioramento debba caderci dall’alto, ma che sia provocato dalle nostre azioni che saranno sicuramente le più efficaci proprio perché frutto di dialogo tra chi le vive quotidianamente.

Attualmente la piattaforma web è disponibile solo per l’America, non è possibile ancora in Italia sperimentarla.

 -Beyond

Letteralmente “andare oltre” si parte da questa mission

 “Come Gandhi afferma, “La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui vengono trattati i suoi animali.”

È un ulteriore progetto per migliorare il “mondo” partendo da un ristretto gruppo di società che si impegnano, in questo, in campo alimentare.

Si parte dall’idea che il cibo dovrebbe essere un bene per tutti, che tutti dovremmo goderne nello stesso modo, la produzione di carne ad esempio contribuisce a inquinare il pianeta: l’ONU afferma che il 18% di inquinamento da gas serra è causato dall’agricoltura e dall’allevamento da bestiame.

Inoltre viene anche rilevato come, in percentuale, l’uso di carne rispetto al vegetale, oltre ad incrementare la produzione di colesterolo e di malattie cardiache, sia tra le cause di cancro.

“Beyond  carne” , la società ,  prendendo spunto da questa “visione organica” a base vegetale vuole proporre una sostituzione della cultura alimentare, con un prodotto vegetale di pari contenuto energetico e che affatichi meno l’uomo e il pianeta.

Come si può notare i progetti si muovono su ambiti diversi, con supporti diversi, web, app, social, immagini, contenuti. Indice che non ci si ferma ad analizzare solo un aspetto, che la tendenza sta diventando sempre più quella di mettere la tecnologia a favore della “qualità” del servizio, della “qualità” dei contenuti, e molto più genericamente per migliorare la qualità della vita.

Gli approcci possono più o meno essere condivisibili o catapultabili sulla realtà italiana, ma bisogna riconoscere il merito di voler analizzare o provare sempre strade nuove, con un atteggiamento “aperto” e propulsivo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...